Nata a Brescia nel gennaio 1979, Ilaria Bignotti è Dottore di ricerca in Teorie e Storia delle Arti e Curatrice scientifica di Archivi ed Estates d’Artista; curatrice indipendente e critica d’arte.

Tra gli incarichi nell’ambito della Curatela scientifica dell’Archivio d’Artista: Curatrice scientifica dell’Associazione Archivio Paolo Scheggi, Milano (2013-in corso); Direttrice scientifica del Francesca Pasquali Archive, Bologna (2015-in corso); Responsabile Progetti Speciali e Curatrice scientifica dell’Associazione Archivio Antonio Scaccabarozzi, Milano (2016-in corso).

Sarà tra i curatori di ARTCITYBologna 2021 con una mostra dedicata all’artista Maurizio Donzelli presso il Museo Civico Medievale di Bologna, con la co-curatela del Direttore Massimo Medica (maggio 2021).

É curatrice del progetto biennale di ricognizione fotografica dei più importanti musei di arte antica e archeologia internazionali, ad opera del fotografo Marcello Grassi, e delle mostre itineranti previste a partire dall’autunno 2021. Con questo progetto, ha vinto la Manifestazione di interesse di mostre fotografiche da effettuarsi negli spazi espositivi del Museo Nazionale Romano e curerà quindi anche la grande antologica di opere dell’artista a Palazzo Massimo e Palazzo Altemps, Roma, con catalogo Electa.

É nel Comitato critico del progetto di ArteJeans, progetto rivolto alle arti contemporanee per la costituzione di un Museo-Archivio del Jeans a Genova (dal 2020-in corso).
È nel Comitato scientifico del MoRE Museum, a museum of refused and unrealised art projects (dal 2011-in corso).

È Specialista in storia dell’arte contemporanea per il XIX, XX e XXI secolo del nuovo progetto editoriale “Dell’Arte” di DeAgostini Scuola per le Scuole Secondarie Superiori e le Università, a firma di Ernesto Luciano Francalanci (prima edizione 2021).
É Visiting Professor e Docente su incarico presso sedi universitarie italiane e internazionali, quali, in Italia: AitArt-Associazione Italiana Archivi d’Artista, Milano-Roma; 24Ore Business School, Milano; Università Cattolica, Brescia e Milano; Accademia Cattolica, Brescia; Museo d’Impresa CUBO-Condividere Cultura, Bologna; all’estero: ZERO Foundation, Düsseldorf; Beijing Minsheng Art Museum, Pechino; Shanghai University of Political Sciences and Law.

É curatrice del progetto internazionale e itinerante dell’opera d’arte partecipata e collettiva di Patrizia Benedetta Fratus, Virginiapertutte, in collaborazione con Connecting Cultures, Milano (2021-2023).

Dal 2003 a oggi ha ideato, organizzato e curato progetti espositivi internazionali lavorando anche per estesi periodi e continuativamente con Musei, Istituzioni e Fondazioni, tra i quali:
All’estero: Richter Collection e Museum of Contemporary Art, Zagabria; Estorick Collection of Modern Italian Art, Londra; Shenzhen Biennale, Shenzhen; Beijing Minsheng Art Museum, Pechino; MoCA-Museum of Contemporary Art, Londra.
In Italia: MAC-Museo d’Arte Contemporanea, Lissone; Villa Croce, Genova; Museo d’Impresa CUBO Condividere Cultura, Bologna; Centro per l’arte contemporanea “Luigi Pecci”, Prato; Centro Internazionale d’arte e di cultura di Palazzo Te, Mantova; Museo d’Arte della Città “Santa Giulia”, Brescia; Mo.Ca.-Centro per le Nuove Culture, Brescia; Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Palazzo Forti”, Verona.

La maggior parte dei progetti espositivi curati si fonda sull’attenta ricostruzione storica e sulla divulgazione culturale degli artisti seguiti e in collaborazione con gli Archivi diretti scientificamente.
Dal 2003 a oggi, ha pubblicato oltre un centinaio di libri, tra i quali cataloghi d’arte moderna e contemporanea in occasione delle mostre curate, ha scritto diversi saggi e contributi in monografie scientifiche e cataloghi ragionati.
Tra le principali case editrici: Skira, Electa, Marsilio, Mimesis (di cui è Curatore della Collana “Resilienze”).
É Perito in arte moderna e contemporanea, iscritta alla Camera di Commercio di Brescia e al Tribunale di Brescia.