STAY SAFE _Archivio Tino Stefanoni

“I misteri dell’Arte non sono altro che i misteri della vita che l’Arte rappresenta come può” Tino Stefanoni

Tino Stefanoni. Biografia.

Tino Stefanoni (06/07/37 – 02/12/17), nato a Lecco, ha studiato al Liceo artistico Beato Angelico e alla facoltà di Architettura del Politecnico di Milano.

Da più di cinquant’anni è presente nel mondo internazionale dell’arte.

Il lavoro di Tino Stefanoni, pur non appartenendo in senso stretto a quello dell’arte concettuale, di fatto si è sempre sviluppato nella stessa area di ricerca. Ha sempre guardato al mondo delle cose e degli oggetti del quotidiano, proponendoli nella loro più disarmante ovvietà, come tavole di un abbecedario visivo o pagine di un libretto d’istruzioni dove le immagini sostituiscono le parole.

A differenza del mondo animale e del mondo vegetale che non sono di pertinenza dell’uomo, il mondo delle cose è invece l’unico segno tangibile della sua esistenza, e quindi di sua proprietà, traccia del suo pensiero e della sua storia dove si possono creare arte e bellezza che non sono l’arte e la bellezza della natura.
E’ evidente, nella ricerca, l’interesse a voler presentare le cose più che a volerle rappresentare e, al tempo stesso, a rivestirle di sottile ironia e magia tratte da un’operazione asettica come in un sogno lucido, per intenderci, che può far convivere elementarità e mistero, due elementi che per loro natura non sono affatto prossimi ma vicini per contrappunto.
Anche nei dipinti di oggi, dove i canoni della pittura classica (nel senso stretto del termine) sono volutamente esasperati a favore di una didattica del pittorico (luce chiaroscuro disegno colore), si rivela sempre il mondo delle cose che, pur restando il momento risolvente del suo lavoro, si carica naturalmente di significati metafisici, gli stessi significati dei dipinti dal tratto nero e sfumato definibili come sinopie dei precedenti.

L’incantato disincanto – La pittura come oggetto – Lo stato dei fatti – L’ironia oggettiva – L’illusione svelata – Amori platonici – Emoticon – Metafisica del quotidiano- Ironia poesia e così sia – Magica concettualità – L’enigma dell’ovvio – Pittura della mente, sono alcuni significativi titoli di testi scritti sulla sua opera. Il finto incantamento, dunque, della sua pittura apparentemente classica, traveste il momento lirico-concettuale del suo lavoro tutto rigorosamente razionale e, per assurdo, “sentimentalmente razionale”, al punto da voler sottolineare che la pittura è null’altro che un oggetto per la mente come la sedia, il tavolo o il letto sono oggetti per il corpo.

Informazioni sull’Archivio Tino Stefanoni

Il 19 aprile 2019, per volontà degli eredi, si è costituito a Lecco l’Archivio Tino Stefanoni, con sede presso lo studio dell’artista.

Organizzato in forma di Comitato, l’Archivio non ha fini di lucro e ha come scopo quello di tutelare, valorizzare e promuovere la figura, il lavoro e le opere di Tino Stefanoni attraverso esposizioni presso spazi pubblici, gallerie private di riconosciuto interesse, fiere, musei, fondazioni, collezioni private di grande prestigio e tramite l’allestimento e la programmazione di mostre, rassegne, convegni e seminari o altri contesti che abbiano come finalità la valorizzazione del lavoro dell’artista.

Si occupa inoltre di archiviare tutte le opere e il materiale relativo al lavoro dell’artista: volumi, cataloghi, articoli, manoscritti, carteggi e fotografie e certificare l’attribuzione delle opere autentiche di Tino Stefanoni, anche attraverso il parere di un Comitato Scientifico.

Archivio Tino Stefanoni
via Crollalanza 2
23900 Lecco (LC)
Tel.0341498145
archivio@tinostefanoni.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.